Pre Loader

I Fondatori

La Mission

Il verde è il colore della speranza, il segno concreto della fertilità e del rinnovarsi della vita, il motivo ispiratore di una rinnovata e vasta attenzione alla salvaguardia dell’ambiente e alla tutela del territorio; un’attenzione testimoniata da movimenti e formazioni politiche che si definiscono perciò verdi, ma testimoniando contemporaneamente un’ispirazione declinata su versioni spesso vaghe, generiche e fra loro contradditorie.

Non basta infatti sostenere di essere impegnati sul versante della tutela dell’ambiente, senza che questa scelta poggi su solide fondamenta ideali radicate nella nostra identità civile e storica e sulla consapevolezza della universalità della realtà e degli obbiettivi legati a una cultura dell’ambiente saldata però ai principi della centralità della persona, al suo valore essenziale e al rapporto che la lega alla famiglia e alla comunità.

Ad oggi, l’unica cultura interamente basata sul rapporto fecondo e incontestabile fra ambiente, persona e comunità è quella cristiana, senza disconoscere i contributi di altre culture e fedi, ma avvertendone i limiti propri sulla difficile soglia fra materia e spirito, fra immanente ed eterno.

Universale e senza tempo è infatti il legame fra ambiente e diritti essenziali, alla salute, al lavoro alla cittadinanza e perciò sarebbe sterile una politica che, pur declinando questi diritti, sia priva di un forte respiro etico, suscitatore di passione civile.

Per l’insieme di queste ragioni nasce “Verde è Popolare” che intende riscoprire il versante che lega tradizioni testimonianze e prassi politica del popolarismo e l’obbiettivo di un ambiente da organizzare e curare mai dimenticando i diritti della persona, ivi compreso quello allo sviluppo.

Un ambiente da gestire con risolutezza e responsabilità nei principi e nelle azioni, facendone sempre in segno di una contiguità e non di una dicotomia fra sviluppo economico, valorizzazione degli aspetti produttivi del territorio e valorizzazione dell’ambiente.

Per questi obbiettivi, che trovano una forte attualità nell’enciclica “Laudato si’”, che Papa Francesco ha posto fra le colonne della Dottrina Sociale della Chiesa, rivolgiamo un appello ad aderire alla associazione a tutti i cittadini che avvertono l’urgenza dei tempi e mostrano buona volontà.

I numeri del cambiamento

0

MILIONI DI ETTARI. È la superficie di foreste scomparsa tra il 1990 e il 2015. Un’area che equivale al Sud Africa.

0

GIGATONNELLATE. Sono la quantità di emissioni di anidride carbonica prodotte dal 1870 al 2016. La CO₂ rappresenta oltre il 75% delle emissioni causate dall’uomo ed è il principale responsabile dell’aumento della temperatura.

0

CENTIMETRI. Il livello medio dell’innalzamento dei mari tra il 1901 e il 2020, una velocità mai osservata negli ultimi tremila anni.

0

MILIONI DI PERSONE che, secondo il WWF, entro il 2030 saranno costrette ad emigrare per effetto dell’aumento della desertificazione. Anche l’area mediterranea è a rischio, compresa l’Italia.

7 punti per l'eccellenza

Il programma

Partecipa anche tu al grande cambiamento

Unisciti a noi per migliorare la qualità di vita dei nostri figli, migliorando il nostro pianeta.

I disegni di Alex